I DidòLab del MUBA:  aperte le iscrizioni </br>per settembre e ottobre CategoriesLaboratori creativi

I DidòLab del MUBA: aperte le iscrizioni
per settembre e ottobre

Anche se l’estate e le vacanze sono alle porte, perché non incominciare già a pensare a come rendere piacevoli anche i week-end del rientro? Continueranno infatti anche in autunno i DidòLab, i laboratori morbidi per bambini dai 2 ai 6 anni organizzati dal MUBA – Museo dei Bambini Milano in collaborazione con FILA: il 4 giugno si aprirà la vendita dei biglietti per gli appuntamenti di settembre e ottobre! 

I laboratori sono momenti di puro divertimento per tutta la famiglia, in cui i piccoli artisti possono scatenarsi a camminare in vasche piene di Didò e giocare a manipolare grossi blocchi di pasta modellabile: scoprite in anteprima con Diario Creativo il calendario degli appuntamenti, per non perdervi questa opportunità!

Gli appuntamenti più vicini

Da martedì 4 giugno 2019 ore 10.00 sono aperte le vendite dei biglietti per:

  • SABATO 28 SETTEMBRE 2019
  • DOMENICA 29 SETTEMBRE 2019
  • SABATO 19 OTTOBRE 2019
  • DOMENICA 20 OTTOBRE 2019

Come partecipare?

  • Ogni laboratorio durerà circa 75 minuti e prevede diversi turni: 10.00 | 11.30 | 14.00 | 15.30 | 17.00. 
  • Il costo a persona (adulti e bambini) è di 7 euro. Le iscrizioni possono essere effettuate esclusivamente online, sul sito del MUBA.
  • Attenzione: non saranno ammesse prenotazioni telefoniche.

Didolab_MUBA_ph.ElenaValdre_04_LOWChe cosa sono i DidòLab?

I DidòLab sono un’esperienza unica dove sperimentare gioco e manipolazione in versione maxi size. Le maxi vasche colorate di pasta per giocare sono pensate per accompagnare i bambini dai 2 ai 6 anni in un percorso didattico e ludico che li aiuterà a sviluppare la propria manualità, scatenando al contempo la creatività.  Attraverso l’esperienza degli educatori MUBA e Didò – la pasta naturale realizzata da sempre in Italia e composta da farina, acqua e sale – scoprirete la magia di un’esperienza sensoriale unica. Un’esperienza dedicata alla manipolazione, davanti a giganteschi blocchi di pasta modellabile, da cui i bambini potranno prelevare piccole porzioni per creare fantasiose opere d’arte, in un’area allestita con appositi piani di lavoro e i tipici strumenti dello scultore in formato baby: mirette, forbici, mattarelli e trafile.

Forse non tutti sanno che…
le grandi vasche di Didò contengono un Didò speciale perché la pasta presenta delle striature di colore neutro. Infatti, questa è la pasta Didò che nasce dai cambi colore, quando si utilizza una pasta Didò di colore neutro per ripulire l’impastatore prima di fare il nuovo impasto. Ed ecco come mai solo al MUBA troviamo il Didò di colore screziato. Questa pasta Didò, che FILA recupera nel processo industriale, è volutamente accantonata per riempire le maxi vasche dirette al MUBA di Milano, che partono direttamente dalla fabbrica FILA situata a Rufina in Toscana, vicino a Firenze.

E alla fine del laboratorio, ogni bambino potrà portare a casa le sue opere e una piccola scorta di Didò, per proseguire l’esperienza sensoriale e continuare a divertirsi a creare altri fantastici lavori, scatenando la propria fantasia!

Didolab_MUBA_ph.ElenaValdre_12_LOWLe altre date del 2019

Per consentire a quanti più bambini di provare l’esperienza tattile dei DidòLab, per il 2019 sono previsti altri appuntamenti: prendete subito nota del giorno in cui verranno messi in vendita i biglietti!

  • SABATO 9 NOVEMBRE 2019
  • DOMENICA 10 NOVEMBRE 2019
  • SABATO 14 DICEMBRE 2019
  • DOMENICA 15 DICEMBRE 2019

Messa in vendita dei biglietti martedì 15 ottobre 2019 ore 10.00

E se temete di dimenticarvene, niente paura, ecco il pdf da stampare e conservare bene in vista!

FILA e MUBA, una lunga collaborazione

La collaborazione tra FILA e MUBA di Milano dura ormai da diversi anni. Il marchio Giotto è infatti da tempo sponsor didattico dei laboratori per le scuole e dal 2015 anche Didò, lo storico brand di F.I.L.A sicuro e al 100% naturale, è entrato a far parte del mondo del Museo dei Bambini con DidòLab, per accompagnare grandi e piccini in una vera e propria full immersion creativa “extra large”.

Foto: Elena Valdre