Scuola inclusiva e creatività.<br />Laboratori ‘pronti all’uso’ insieme a Segni Mossi CategoriesPensiero creativo

Scuola inclusiva e creatività.
Laboratori ‘pronti all’uso’ insieme a Segni Mossi

Didattica inclusiva e bisogni educativi

L’approccio creativo permette di affrontare qualsiasi tema in modo semplice e immediato, così da raggiungere facilmente e in tempi rapidi i propri obiettivi. Ce lo mostrano nel loro lavoro di formatori Simona Lobefaro(coreografa) e Alessandro Lumare (artista visivo) in arte Segni Mossi che attraverso segni, grafica, movimento e cooperatività, progettano per insegnanti, animatori e formatori, laboratori dedicati a tanti temi, e tra questi l’inclusività.

Oggi, insieme a FILA Fabbrica Italiana Lapis e Affini con Giotto in questo percorso pensato per sostenere le insegnanti attraverso laboratori‘pronti all’uso’ e facilmente replicabili, per una didattica inclusiva che non può fare a meno di sfiorare temi espressamente legati alla crescita dei nostri ragazzi dentro una comunità e in una relazione tra diverse culture con un approccio  innovativo e in particolar modo cooperativo.

Occasioni di stupore e di scoperta di sé e dell’altro

Come scrivono Simona e Alessandro ‘Segni mossi, è un progetto nato per indagare la relazione tra la danza e il segno grafico con bambini e adulti. Nelle nostre attività creiamo ambienti fisici e immaginari dove sperimentare modi personali di muoversi, lasciando segni grafici: riscontri immediati della propria azione nello spazio e nel gruppo. Il nostro obiettivo non è l’alfabetizzazione nell’arte visiva o nella danza, ma piuttosto offrire occasioni di stupore e scoperta.

Gli obiettivi che ci poniamo nel lavoro con i bambini e con gli adulti sono:

  • Acquisire fiducia in sé e nell’altro attraverso una dimensione cooperativa;
  • sviluppare la relazione con il gruppo e la socializzazione per far emergere le singolarità;
  • valorizzare il segno liberandolo da ogni subordinazione rappresentativa;
  • superare convenzioni e paure legate a presunte incompetenze grafiche e di movimento;
  • agevolare la consapevolezza del proprio corpo e delle sue potenzialità motorie e creative;
  • esplorare la connessione tra qualità espressive del movimento del corpo e quelle del tratto;
  • soffermarsi sul processo creativo piuttosto che sul risultato;
  • considerare la sperimentazione un metodo di lavoro;
  • stimolare un sentire critico-artistico.’

Innovazione e inclusione

Una sfida quella di Segni mossi che si avvale di una nuova didattica, innovativa e intuitiva che  percorre e incrocia tracce, segni, gesti, parole e fantasia, per abbattere le barriere mentali e creare quell’energia, che aiuta il contatto. Presto torneremo al contatto fisico, ne abbiamo bisogno, i piccoli ancora più di noi. Ed ecco in forma di testo e video alcuni spunti, molto seri, per giochi dedicati ‘all’arte di apprendere’ piano e con calma ragionata che le differenze sono ‘cose rare da conservare e da avvicinare’.

Il primo spunto arriva alla fine dell’estate ed è proprio fatto di… ‘Corrente’

1° Laboratorio: ‘Corrente’

Le alghe ondeggiano, cullate dalla corrente, sospese tra il fondo e il pelo del mare.

L’acqua le attraversa, le dilata, le sostiene. Il tessuto di cui sono fatte è morbido, flessibile, liquido.

Si accarezzano, si avvolgono tra loro, si abbandonano alla corrente. Se questa le stacca, loro volano via, vorticano, compiono segni, danze distese.

Buona visione!

Iscriviti alla newsletter di Diario Creativo potrai seguire tutti gli spunti che popoleranno settimanalmente questo ‘diario rinnovato’ e ricco di offerte volte a sostenere una didattica del pensiero creativo.